caro energia

Ecco perchè il prezzo dell'energia sta aumentando

05 Settembre 2022
Efficienza Energetica
Daniele Zamboni - Responsabile Ufficio tecnico

Perchè il prezzo dell'energia sta aumentando?

Negli ultimi due anni, il prezzo dell’energia (elettrica e non) in Italia e in Europa è aumentato in maniera notevole. Questo fenomeno è dovuto in gran parte all’aumento dei prezzi delle materie prime con le quali viene prodotta l’energia nelle centrali. Gli aumenti hanno infatti riguardato le materie prime come gas e combustibili derivanti dal petrolio, da cui generiamo più della metà dell’energia elettrica prodotta in Italia.
Parte dell’aumento è però anche dovuto ai costi di produzione per le aziende del settore, fenomeno da ricollegare all’Emission trading system europeo.
Dal secondo trimestre del 2020 a oggi, il prezzo dell’energia elettrica per i consumatori italiani che usufruiscono del servizio “in maggior tutela” è salito da 16,08 a 46,09 centesimi di euro per kilowattora del primo trimestre 2021: un aumento pari a 3 volte il prezzo iniziale. Nel momento in cui scriviamo, cioè nel terzo trimestre 2022, il prezzo di riferimento dell’energia elettrica di cui abbiamo parlato sopra è di 41,51 centesimi di euro per kilowattora.
Riassumendo, quindi, l’aumento dei prezzi dell’energia è dovuto principalmente a due fattori:
-    Il primo, il più rilevante, è l’aumento dei prezzi delle materie prime con cui si produce l’energia elettrica. 
-    Il secondo, che ha un’incidenza minore, è l’aumento dei prezzi dei permessi per emettere anidride carbonica (CO2) scambiati sull’Emission trading system (ETS) europeo.

Aumento delle materie prime

Gli aumenti delle materie prime riguardano principalmente il gas e il petrolio. Entrambi gli aumenti sono pesantemente influenzati dal conflitto tra Russia e Ucraina. In particolare, per quanto riguarda il gas, è importante considerare che il prezzo €/MWh dei future sul gas (Dutch TTF Gas Futures) è passato dai 13,92 €/MWh del luglio 2020 ai 214 €/MWh di oggi (con picchi anche a 361 €/MWh nel trimestre in corso).

 

 

L’impatto di questi rincari ha influito in maniera importante anche sul costo del metro cubo di gas che è passato da 0,76 €/mc a 1,23 €/mc. Vi proponiamo qui sotto il grafico preso direttamente dal sito dell’ARERA.

 

 

Sebbene il nostro paese stia cercando di diversificare le fonti di approvvigionamento del gas (con il quale produciamo buona parte dell’energia elettrica nazionale) è molto probabile che le tensioni sui prezzi di questa materia prima, e di conseguenza sui prezzi dell’energia, rimarranno significative ancora per diverso tempo.

L’Emission trading system

Il secondo fattore è l’aumento dei prezzi dei permessi per emettere anidride carbonica (CO2) scambiati sull’Emission trading system (ETS) europeo. Si tratta infatti di un mercato simile alla borsa, su cui aziende che per ragioni di produzione emettono CO2 si scambiano i permessi di inquinare. Questi permessi sono emessi dalle autorità europee in un numero limitato; perciò, chi vuole inquinare più di quanto gli consenta la propria quota deve comprare ulteriori permessi sul mercato. Questo sistema, che prevede un numero di certificati limitato, fa sì che per la più classica legge della domanda e dell’offerta, venendo sempre meno l’offerta, il valore dei certificati tende a salire. L’idea di fondo è scoraggiare le aziende dall’emettere CO2 e al contempo reperire i fondi necessari per investire in energie rinnovabili.
Da inizio 2021, il prezzo del permesso di emettere una tonnellata di CO2 sull’ETS è passato da 33 a 79 euro toccando picchi di 96 euro l’8 febbraio 2022. Questo porta inevitabilmente all’aumento dei costi delle società che producono energia, le quali li hanno scaricati sui consumatori. E siccome il numero di permessi viene ridotto ogni anno, questo prezzo tenderà a crescere in futuro.

Come proteggersi dai rincari

L’ unico modo concreto per proteggersi dai rincari e stabilizzare il costo di acquisto dell’energia per i propri usi (domestici e non) è quello di diventare noi stessi produttori di energia elettrica attraverso l’installazione di impianti a fonti rinnovabili.

Tra tutte le opzioni disponibili la più veloce e la più accessibile rimane la realizzazione di un impianto fotovoltaico.
L’ impianto fotovoltaico al giorno d'oggi è da considerarsi un vero e proprio investimento finanziario, con tempi di ritorno più brevi rispetto agli anni passati, dati appunto dal caro energia.
L’ autoconsumo, ovvero la possibilità di consumare direttamente l’energia prodotta dal proprio impianto, permette inoltre di diminuire l’energia prelevata dalla rete e, di conseguenza, la bolletta
Al fine di ridurre la bolletta fino al 90% è possibile prevedere anche un sistema di accumulo, che permette di utilizzare l’energia prodotta dal proprio impianto anche nelle ore notturne, generando autoconsumo
 

Approfondimento a cura di Zamboni Daniele
Progettista elettrotecnico presso LumenWatt S.r.l.

Desideri approfondire questo argomento o sottoporci una tua richiesta d’offerta? Contattaci direttamente e senza impegno tramite il nostro modulo nella pagina Contatti, oppure chiamaci al numero +39 0342 611139 o vieni a trovarci presso la nostra SEDE, per valutare insieme la soluzione più adeguata alle tue esigenze. Visualizza alcune realizzazioni del nostro Portfolio Lavori.

Condividi su Facebook
Condividi su WhatsApp
Condividi su Linkedin

Lumen/Watt S.r.l. con unico socio - Via San Rocco 27, 23017 Morbegno (SO) - ITALY+39 0342 611139 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.| p.iva IT00878270149 | c.f. e n.iscriz. reg.imp. SONDRIO 00878270149 | REA SO-66259 | Cap.Soc. €100.000 int.vers.| Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Lumen/Watt S.r.l. con unico socio
Via San Rocco 27, 23017 Morbegno (SO) - ITALY
+39 0342 611139 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
p. iva IT00878270149 | c.f. e n. iscriz. registro imprese SONDRIO 00878270149
numero REA SO - 66259 
Cap. Soc. Euro 100.000 interamente versati
pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2020 All rights reserved.